Parchi e Riserve

 

  • Riserva “Le Cesine” - Vernole
    Riserva “Le Cesine” - Vernole

Le Cesine – Vernole
Localizzata nel Comune di Vernole, in provincia di Lecce, la Riserva “Le Cesine” si estende su un’area di circa 348 ettari che include la splendida oasi gestita dal WWF.
La riserva, che prende il nome dal latino “seges” che indica una zona incolta o abbandonata, è una zona umida di valore internazionale: habitat distintivi sono le dune, l’area palustre e la macchia mediterranea. Vai a scheda dettaglio>>

Parco Naturale Regionale “Litorale di Ugento”
Il Parco Naturale Regionale “Litorale di Ugento”, istituito con la L.R. n.13 del 28 maggio 2007, rappresenta una delle zone più interessanti e preziose della Penisola Salentina, per valore naturalistico, storico e paesaggistico. Il Parco si estende per circa 1600 ettari ed è caratterizzato da una elevata varietà di ambienti naturali. Si riconoscono, procedendo dal mare verso l’interno, la fascia dei litorali sabbiosi e rocciosi, gli ambienti retrodunali umidi, quelli palustri e le zone boscate, la macchia mediterranea, gli uliveti secolari e le “gavinelle”, canaloni carsici scavati nella roccia dall’acqua. Vai a scheda dettaglio>>

Parco di Rauccio – Lecce
Il Parco di Rauccio rappresenta l’ultimo esempio del grande sistema di boschi ed acquitrini che in passato si estendeva lungo la costa tra Brindisi e Lecce. Il paesaggio è caratterizzato da stagni retrodunali dove spicca il breve corso dell’Idume. Il bosco, invece, è costituito da una lecceta fitta e intricata e da un ricco sottobosco dove prosperano il lentisco, il mirto e il caprifoglio mediterraneo. Dal Botanico al Faunistico, dall’Idrologico allo Storico-culturale, i quattro percorsi tematici all’interno del parco alzano il sipario sulla natura rigogliosa. Vai a scheda dettaglio>>

Parco Naturale Regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase
La natura incontaminata disegna i 3.227 ettari del Parco naturale regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase. Istituito nel 2006, il parco ricade nel territorio di ben 12 comuni costieri salentini, tra cui Andrano, e offre panorami variegati che vanno dal cristallino Adriatico ai campi punteggiati di muretti a secco fino alle misteriose grotte di Castro. Sulla strada che da Tricase conduce verso il mare si erge la “Vallonea dei cento cavalieri”, esemplare di quercia plurisecolare unico in Europa occidentale. Vai a scheda dettaglio>>

Parco Naturale Regionale Isola di Sant’Andrea
Adagiato sul litorale ionico salentino, il Parco Naturale Regionale Isola di Sant’Andrea e Litorale di Punta Pizzo si estende nel territorio del Comune di Gallipoli.
L’Isola di Sant’Andrea, proprio di fornte al borgo di Gallipoli, vanta la presenza, unica lungo tutto il versante adriatico e ionico d’Italia, di una colonia nidificante del Gabbiano corso. Vai a scheda dettaglio>>

Parco Naturale Regionale di Porto Selvaggio
Esteso su un’area di 516 ettari nel territorio di Nardò, il Parco Naturale Regionale di Porto Selvaggio, è stato istituito in un’area sul mare interessata da vari interventi di riforestazione iniziati negli anni ’50. Prima brullo e roccioso, oggi il paesaggio è caratterizzato dalla presenza di una fitta pineta inserita nella splendida cornice del Mar Jonio.
L’habitat prevalente è boscoso ma non mancano i percorsi substeppici, gli habitat ricchi di graminacee e piante annuali e la scogliera frastagliata. Vai a scheda dettaglio>>

Categoria:

Comments are closed.