Festa Riti e Danze

  • Notte della Taranta
    Notte della Taranta

Festa di San Rocco – Torre Paduli
In occasione della festa patronale di San Rocco, un duello senza armi, a suon di musica, a simulare antichi regolamenti di conti
La Danza dei Coltelli è una festa tradizionale molto antica; si svolge a Torrepaduli, piccola frazione di Ruffano, in occasione della ricorrenza del Santo Patrono, San Rocco.
Per tradizione la danza consiste in una contesa fra due uomini armati di “coltelli” (le mani) i quali eseguono coreografie improvvisate tra saluti rituali, finte, incitamenti e affondi misurati. Vai a scheda dettaglio>>

Festa della Cranara - CalimeraFesta della Cranara – Calimera
Grazie al lavoro encomiabile della Pro Loco di Calimera rivive il mestiere antico del carbonaio che ha caratterizzato per secoli il tessuto economico del comune grico.
A costruire, alimentare e a raccontare la cranàra, un gruppo di volontari che conservano gli insegnamenti tramandati dai loro padri, guidati da Angiolino Tinelli, ultimo carbonaio vivente. Vai a scheda dettaglio>>

Festa di Santa Domenica – Scorrano
Una festa religiosa che da più di quattrocento anni anima le strade di Scorrano, tra riti solenni e folklore, concerti di pizzica e spettacoli di grande suggestione.
Il 27 giugno ha inizio la festa religiosa, con l’esposizione delle reliquie e della statua della Santa. Il giorno centrale delle celebrazioni è il 6 luglio, anniversario del martirio di Santa Domenica. In questo giorno una processione percorre le vie di Scorrano dove viene celebrata una messa con Panegirico. La festa religiosa si conclude l’8 luglio, con la riposizione della statua della Santa accompagnata da canti solenni. Vai a scheda dettaglio>>

Festa di San Luigi – Calimera
Un’antica festa popolare si svolge a Calimera il 21 Giugno, per San Luigi; è la festa dei lampioni, le cui origini risalgono probabilmente al periodo bizantino. Con materiali poveri (canne, spago, colla, carta velina) vengono realizzati lampioni dalle forme più svariate: navi, aerei, stelle, campanili, ecc.. Le costruzioni, grandi anche cinque o sei metri, vengono quindi appese per le strade ed illuminate dall’interno. In uno scenario da fiaba, si svolge la festa con musiche e danze popolari. Vai a scheda dettaglio>>

Festa e Fiera dei SS.Medici – Ugento
Attesa come sempre la festa dei SS. Cosma e Damiano nello storico comune di Ugento, che come sempre difficilmente deluderà le aspettative di fedeli, residenti e non, dato che il calendario delle celebrazioni religiose e dei momenti ludici è davvero ricco. Oltre alla SS. Messa e alla processione dietro alla statua del Santo, Ugento propone tre giorni di festa, con concerti bandistici, luminarie, spettacoli folkloristici per salutare l’estate. In contemporanea si svolge la fiera dei SS. Medici, per le vie del Comune: presenti numerose bancarelle di merci varie. Non mancano i capi di vestiario e le specialità tipiche salentine. Vai a scheda dettaglio>>

Festa e Fieradi S.Oronzo S.Giusto e S.Fortunato – Lecce
Nello spettacolare scenario della pietra leccese e degli splendidi edifici barocchi prende il via la festa del santo patrono di Lecce, tra concerti bandistici, luminarie e degustazioni di prodotti tipici. Ogni anno a Lecce, nei giorni 24, 25 e 26 agosto, si celebra, con una solenne processione, la festa in onore del patrono, il Vescovo Sant’Oronzo. Nei tre giorni di festa sono previsti concerti bandistici e spettacoli di musica leggera. Le luminarie addobbano le strade principali del paese. La festa si conclude con un suggestivo spettacolo di fuochi pirotecnici. Vai a scheda dettaglio>>

Festa della Pucceddha – Calimera
Come da tradizione la vigilia dell’Immacolata a Calimera si festeggia con la “pucceddha”, tipico pane che si farcisce con capperi, tonno e provola, che apre tradizionalmente il periodo natalizio. La tradizione, fatta di contadini che preparavano il pane nei forni di pietra siti nelle campagne, continua ancora oggi nel Salento, ma a Calimera il tutto assume una cornice più gioiosa e allegra.
Meta degli ultimi anni per gustare la tanto sospirata “pucceddha” è il Parco “La Mandra”, un oasi nel verde a poca distanza dal centro abitato, nonchè parco attrezzato con panchine e area pic-nic. Vai a scheda dettaglio>>

Festa te lu Mieru – Carpignano Salentino
Era l’estate del 1974 quando un gruppo di giovani amici, si ritrovarono nella piazza del paese a mangiare e bere assieme in una lieta serata. L’ebbrezza del vino prese l’animo di tutti e così si decise di rivivere la stessa esperienza l’anno seguente. Da allora ogni anno nel mese di Settembre il paese ripropone l’allegria e la giovialità di quella prima serata con la tradizionale Festa te lu mieru: tre serate di divertimento durante le quali si può ballare sino a notte fonda al ritmo di tarantelle e pizziche, si possono degustare i piatti tipici e soprattutto si brinda col vino al buon esito dell’imminente vendemmia. Vai a scheda dettaglio>>

Fiera di San Vito e Festa del Maiale Salentino – Ortelle
La fiera di San Vito a Ortelle ha origini antichissime, e quest’anno ripropone i suoi stand dedicati al maiale, con le bancarelle delle castagne, dei fichi secchi e del sedano (“laccio”).
Non si hanno notizie certe in merito alle origine di questa fiera, ma è certo che si tratta di un importante appuntamento per tutti gli allevatori della provincia e per coloro che vogliono gustare le deliziose carni del maiale. Novità di quest’anno, il progetto di tracciabilità del maiale salentino OR.VI. Vai a scheda dettaglio>>

Notte della Taranta – Melpignano
Il più grande Festival musicale dedicato al recupero ed alla valorizzazione della pizzica salentina attraverso l’incontro con altre tradizioni ed i diversi generi musicali. Prima di giungere al concertone finale in programma a Melpignano la notte del 22 agosto, numerosi saranno i concerti in cui si alterneranno gruppi ed artisti chiamati a dare vita alla rassegna che ogni anno ospita alcuni dei nomi più rappresentativi della scena della pizzica salentina. Vai a scheda dettaglio>>

Pasquetta SanVito – Calimera
La festa si svolge ogni anno, in un particolare giorno, il lunedì dell’Angelo, – non a caso, giorno di una rinascita – nei pressi del piccolo tempio dedicato appunto a San Vito dove tutti gli anni gli abitanti del vicino centro di Calimera celebrano i riti pagani della fertilità. Prima di dar sfogo al gioco, alle danze, al consumo di cibo e bevande, è d’obbligo oltrepassare la roccia forata per assicurarsi la grazia di essa: di aver ricca figliolanza e scongiurare i pericoli del parto ed augurarsi un anno di fertilità. Vai a scheda dettaglio>>

Sagra della Municeddha – Cannole
Dall’antico appellativo di cuzzari, raccoglitori di lumache, attribuito agli abitanti di Cannole, nasce l’idea di dedicare una sagra a questo mollusco, che si svolge dal 1985, dal 10 al 13 agosto. La manifestazione viene organizzata dalla Proloco e durante queste quattro magiche serate, d’agosto, a Cannole si respira aria di festa popolare con musica folkloristica e ricchi stand gastronomici per gustare gli antichi sapori della cucina salentina, naturalmente il piatto principale è la municeddha, che viene preparata in vari modi. Vai a scheda dettaglio>>

Categoria:

Comments are closed.