Artigianato

  • Cartapesta Leccese
    Cartapesta Leccese

Cartapesta leccese
Grazie alla reperibilità della materia (paglia, stracci, colla e gesso) e alla facilità della lavorazione che non necessita di macchinari complessi, la realizzazione artigianale di prodotti in cartapesta di pregio si è tramandata nel corso dei secoli, specializzandosi nel settore dell’oggettistica, in particolare di soggetto religioso. Seppur nota dall’antichità, la cartapesta ha conosciuto il periodo di maggior diffusione tra XVII e XVIII secolo, fornendo la materia prima per capolavori scultorei che ancora oggi si possono ammirare in molti edifici religiosi, soprattutto del salento. Vai a scheda dettaglio>>

Ferro battuto
In Puglia così come in tutte le aree a forte vocazione agricola, il fabbro ha svolto per secoli il ruolo di artigiano “funzionale” a cui si demandava la  fabbricazione degli attrezzi e degli strumenti usati in agricoltura e nei mestieri ad essa legati.
L’utilizzo del ferro battuto per irrobustire e abbellire i palazzi e le chiese è sorto solo in un secondo tempo, ed è da questo nuovo utilizzo che l’attuale tradizione del ferro battuto pugliese trae origine. Vai a scheda dettaglio>>

Fischietti in terracotta
Un’antica tradizione di origine popolare, quella dei fischietti in terracotta di Rutigliano, oggetti colorati e divertenti dal significato ludico e simbolico. La produzione di fischietti in terracotta vanta a Rutigliano una lunga tradizione. Sono oggetti di piccole dimensioni, dai colori vivaci e dalle forme bizzarre, il cui valore ludico e simbolico trova origine negli usi e costumi del popolo. Fino a non molto tempo fa, ogni 17 gennaio, per la festa di S. Antonio Abate, protettore e patrono dei contadini, ogni ragazzo era solito regalare alla sua amata un cesto di frutta, simbolo dei prodotti della terra, con all’interno un fischietto a forma di gallo, simbolo di virilità.  Vai scheda dettaglio>>

Pietra leccese
Apprezzata e richiesta in tutto il mondo, la pietra leccese è nelle decorazioni, nelle opere scultoree, nelle architetture tipiche del barocco leccese
Le chiese, i palazzi gentilizi, le decorazioni ornamentali: tutto a Lecce e nel salento è stato voluto e realizzato con il materiale che più di ogni altro sembrava  prestarsi alle fitte trame decorative del barocco. La pietra leccese, oltre al facile reperimento, garantiva infatti, per le sue qualità intrinseche, una buona lavorabilità e una straordinaria capacità di accrescere durezza e resistenza col passare del tempo. Vai a scheda dettaglio>>

Categoria:

Comments are closed.